Presentazione libro Mutazioni

Con immensa gioia vi comunico la presentazione del libro “Mutazioni”.
Palazzo Platamone (Palazzo della Cultura)
23 Maggio alle ore 17.
Vi aspetto!

Yuliya, una ragazza ucraina affetta da patologia rara, fugge da Kiev

 

 

 

«A Kyiv avevo una camera in affitto e la mattina mi ha svegliato la mia vicina, io pensavo che fosse lei a bussare, invece poi ho scoperto che ci stavano bombardando.
Poi ho deciso di uscire comunque dalla mia stanza, ho preparato la valigia di emergenza, ho fatto colazione e mentre facevo colazione sentivo il volo degli elicotteri, e appena dieci minuti più tardi ho scoperto che degli aerei stavano bombardando Gostomel. Capendo che non era sicuro rimanere nell’appartamento, perché in qualsiasi momento avrebbero potuto bombardare, e non avendo la possibilità di lasciare Kyiv perché c’era molto traffico, ho deciso di raggiungere un rifugio antiaereo.
C’erano tantissime persone, e quando siamo già arrivati al rifugio hanno annunciato l’allarme aereo quindi siamo scesi, abbiamo aspettato che finisse ma purtroppo abbiamo dovuto rimanere e dormire lì perché l’allarme non cessava.
La mattina mi hanno svegliato i rumori e le persone continuavano ad arrivare e c’era di nuovo un allarme aereo e le bombe erano cadute molto vicino, quindi le persone venivano a nascondersi. Così è trascorso anche il secondo giorno, c’erano sparatorie continue, cadevano le bombe, si sentivano dal rifugio, quindi ho deciso di trascorrere lì ancora una notte.
Visto che avevo difficoltà di respirare, e c’erano molte persone, c’era molta polvere, ho sentito che era pericoloso continuare a rimanere lì e dopo la seconda notte ho deciso di tornare nel mio appartamento e la notte successiva ho dormito nel bagno.
Quando tutto questo era finito, sono andata in un negozio, c’erano delle code lunghissime, ho passato sei ore in fila alla cassa, ho trascorso ancora un giorno a casa e vedendo che le bombe cadono sempre più vicino, in quel momento avevo distrutto la stazione televisiva, ho deciso di raccogliere le mie cose e andare a Lviv. Il mio viaggio fino a Lviv è durato nove ore, sono riuscita a salire sul treno velocemente ma sono dovuta rimanere in piedi per nove ore. A lviv i volontari mi hanno aiutato a trovare un posto in cui potessi fermarmi gratuitamente e sono rimasta lì. Ho trascorso lì una notte e la mattina mi hanno proposto di restare o di lasciare il paese. Dalla paura, ho scelto di venire in Italia, a Napoli. Perché purtroppo non penso che ci saranno le medicine disponibili in Ucraina. Mi faceva più paura rimanere che partire. Domenica, al notiziario hanno fatto vedere che stanno colpendo con i missili anche Lviv.
Non vedo l’ora di poter tornare a fare il mio lavoro, amo il mio lavoro. In Ucraina ho ancora mia mamma, mia sorella e mia nonna. Al momento è difficile mettersi in contatto, però stiamo tentando di metterci in contatto almeno una volta al giorno per rassicurarle che io sto bene e per assicurarmi che anche loro stanno bene”.
Traduzione di  Yelena Yatsiv

Questo è il racconto drammatico di Yuliya è una ragazza ucraina di 26 anni affetta da ipertensione arteriosa polmonare, una malattia rara cronica e progressiva che ha come conseguenza una pressione sanguigna molto alta e resistenza vascolare che determina un progressivo affaticamento del ventricolo destro del cuore. Vuol dire che anche uno scompenso cardiaco può rivelarsi fatale.

 
Yuliya ha vissuto tutto il terrore della guerra in atto in Ucraina, finchè anche a causa dell’aggravarsi delle sue condizioni di salute ed essendo sola nella sua città, ha deciso di lasciare la sua patria per venire in Italia. Qui grazie all’aiuto di Leonardo Radicchi e Laura Gagliardini  presidente dell’associazione ipertensione polmonare italiana e presidente dell’associazione malati di ipertensione polmonare è stata curata dal professore D’Alto: «Yuliya sta abbastanza bene. Abbiamo eseguito tutti i controlli del caso e abbiamo rimodulato la sua terapia secondo le necessità attuali. Siamo davvero felici di averla accolta, perché questo è il senso profondo del nostro lavoro di medici. Siamo assolutamente a disposizione nel caso in cui ci fosse necessità di assistere altri pazienti provenienti dall’Ucraina».

(Fonte Fanpage e Il Mattino)

Mutazioni: Un libro da regalare

Un vecchio manifesto pro lettura recitava:
“È bello regalare un libro perché è un modo diverso per dire Ti Amo, un modo insolito per dire Ti penso, un modo intelligente per dire Grazie”.
La lettura infatti richiede di ritagliarsi dei momenti privati, per estraniarsi dal caos e dallo stress quotidiano. Ed è per questo che donare un libro a Natale è una forma d’amore, un modo piacevole di regalare del tempo da impiegare per se stessi.
Mutazioni è un libro che aiuta a sviluppare un senso critico, che fa riflettere e consente al lettore di immedesimarsi, di trovare talvolta la soluzione ai propri dubbi. È un valido metodo di crescita personale, di acquisizione di conoscenze e di consapevolezza, un modo di condividere con la persona a cui vogliamo bene emozioni e sensazioni.

Mutazioni è la storia di Maricia Roccaro, medico nefrologo, che si è scoperta affetta dalla malattia rara di Fabry, un mondo fatto in un primo momento di dubbi, ansie e turbamenti, sensazioni che chiunque riconosce nell’animo umano per i più disparati motivi. Alla fine permetteranno al lettore di ritrovare nella consapevolezza del proprio IO più intimo, una guida, un percorso alle risposte spesso tanto cercate.

Mutazioni è senza ombra di dubbio, un libro da leggere e da regalare a chi vogliamo più bene. E naturalmente non dimenticate una dedica personalizzata da scrivere nelle prime pagine bianche. In questo modo anche dopo molti anni chi lo aprirà sorriderà pensando a voi.

Acquistando il libro Mutazioni tramite email mutazionlibro@gmail.com o telefonando al 3407886600 parteciperete ad un importantissimo PROGETTO SOLIDALE!

Buon Natale

Mutazioni: Maricia Roccaro “un medico che si scopre paziente”

Emergenza Covid, a Catania la Rete Civica della Salute in supporto ad Asp e Comuni

Emergenza Covid, a Catania la Rete Civica della Salute in supporto ad Asp e Comuni
Una comunicazione ravvicinata, organizzata e risolutiva tra i Comuni e l’Azienda sanitaria provinciale: è questo il risultato dell’accordo di collaborazione operativa proposto dalla Rete Civica della Salute (RCS) all’Asp di Catania e fatto proprio dall’Azienda sanitaria. Continua a leggere

Essere Volontari: un dono a sostegno dei più deboli

L’immagine del volontario è quella di una persona positiva e sorridente che mette a disposizione delle persone bisognose, in modo del tutto gratuito, il suo tempo, le sue risorse e le sue capacità. È colui che aiuta indistintamente senza pretendere niente in cambio, che sorride ed accoglie i problemi delle persone fragili. Continua a leggere

Pazienti e Medici in un abbraccio di speranza

I migliori ricercatori del mondo collaborano per diagnosticare e curare malattie genetiche rare Continua a leggere

Primo giorno di scuola, dai banchi alle mascherine: cosa ha funzionato e cosa no

Era il giorno più atteso e gli occhi di tutti erano puntati sul rientro a scuola del 14 settembre dopo il lockdown per l’emergenza coronavirus. Non sono mancate le criticità come i bambini per terra in Liguria o gli assembramenti fuori da numerosi istituti, ma sono diversi anche gli aspetti positivi tra cui la distribuzione del materiale igienico sanitario o i trasporti. Continua a leggere

La Società Italiana di Neurologia fa il punto sulle nuove terapie al vaglio della FDA

L’Alzheimer è una malattia subdola che entra silenziosamente nella vita delle persone per poi travolgerla completamente: porta a una totale perdita di autonomia nei pazienti, con un grosso impegno da parte dei familiari che svolgono un ruolo importantissimo di costante accudimento. Continua a leggere